Immagine di MARIA BERICA RASOTTO

MARIA BERICA RASOTTO

Professore ordinario

BIO/06 - ANATOMIA COMPARATA E CITOLOGIA

Indirizzo: VIA U. BASSI, 58/B - PADOVA

Telefono: 0498276191

Fax: 0498072213

E-mail: mariaberica.rasotto@unipd.it

Corso A.A. Codice Insegnamento
Laurea in Biologia2017SC04100241ANATOMIA COMPARATA
Laurea in Biologia2017SC02122859FONDAMENTI DI BIOLOGIA
Laurea in Biologia2016SC04100241ANATOMIA COMPARATA
Laurea in Biologia2016SC02122859FONDAMENTI DI BIOLOGIA
Laurea in Biologia Molecolare2016SC02122859FONDAMENTI DI BIOLOGIA

NOTIZIE PERSONALI - nata il 19 settembre 1955 - laureata in Scienze Biologiche, cum laude, all’Università di Padova nel giugno 1978 - laureata in Scienze Naturali, cum laude, all’Università di Padova nel giugno 1980, ESPERIENZA PROFESSIONALE 2015- membro del Senato Accademico come rappresentante dei professori di I fascia della macroarea 2 "Scienze della vita" - 2012-2015 Presidente del Corso di Studio in Biologia, Biologia Evoluzionistica e Biologia Marina - 2006- Professore Ordinario afferente al Dipartimento di Biologia; settore scientifico disciplinare BIO/06; - 2001-2012: Responsabile delle attività della sede di Chioggia dell’Universita’ di Padova - 1992-2006: Professore Associato del Dipartimento di Biologia, settore scientifico disciplinare BIO/06; - 1984-1992: Ricercatore della Facoltà di Scienze MM FF NN dell’Università di Padova, settore scientifico disciplinare E02B; - 1981-1982: Borsista alla Stazione Zoologica “Anton Dohrn” di Napoli PERIODI DI RICERCA ALL'ESTERO - 2008 (3 mesi): Centro de Investigación en Ciencias del Mar y Limnología (CIMAR), University of Costa Rica; - 1998-2001 (11 mesi in totale): Coral Reef Research Foundation di Koror, Palau (Micronesia); - 1991 (2 mesi): Interuniversity Institute for Marine Sciences, Eilat, Israel; - 1990-1994 (18 mesi in totale): Department of Marine Sciences, University of Puerto Rico ; - 1987 (3 mesi): Ubrecht Laboratorium dell’University of Utrecht, The Netherlands. INTERESSI DI RICERCA La ricerca è focalizzata allo studio dell’influenza dei meccanismi evolutivi legati alla selezione sessuale nell’espressione dei caratteri morfologici, fisiologici e comportamentali. Modello di studio sono i pesci Teleostei data la loro enorme diversità ne a) i sistemi di accoppiamento, le cure ed i ruoli parentali, b) il pattern sessuale (gonocorici, emafroditi contemporanei e ermafroditi successivi), c) l'anatomia dell'apparato riproduttore d) le modalità di fecondazione (sia interna che esterna) e e) l'altissima incidenza di tattiche riproduttive alternative maschili. Studia, in particolare, le specie marine e i risultati delle ricerche, oltre all’interesse nell’ambito della biologia evoluzionistica, possono fornire indicazioni utili alla conservazione e gestione sostenibile delle risorse marine I risultati delle ricerche finora condotte sono raccolti in oltre 60 articoli pubblicati su riviste internazionali, recensite ISI (vedere sezione Pubblicazioni). Nel 2012 ha pubblicato il libro "la Vita del mare" (ed.Il Mulino, collana Farsi un'idea) ATTIVITA' DIDATTICA - Titolare dei corsi di Fondamenti di Biologia (6 CFU) e di Anatomia Comparata (9 CFU) della Laurea triennale in Biologia - Membro del collegio docenti del Corso di Dottorato in Bioscienze; - Relatore di numerose tesi di Laurea magistrale in Biologia Marina, Laurea magistrale in Biologia Evoluzionistica, Laurea triennale in Biologia. - Supervisore di studenti del dottorato in Bioscienze dell’Università di Padova, del Dottorato in Biologia dell’Instituto Superior de Psicologia Aplicada (ISPA) di Lisbona, del Master in Biology dell’Università di Basilea

La ricerca è focalizzata allo studio dell’influenza dei meccanismi evolutivi legati alla selezione sessuale nell’espressione dei caratteri morfologici, fisiologici e comportamentali. Modello di studio sono i pesci Teleostei, in particolare le specie marine, data la loro enorme diversità ne a) i sistemi di accoppiamento, le cure ed i ruoli parentali, b) il pattern sessuale (gonocorici, emafroditi contemporanei e ermafroditi successivi), c) l'anatomia dell'apparato riproduttore d) le modalità di fecondazione (sia interna che esterna) e e) l'altissima incidenza di tattiche riproduttive alternative maschili. I risultati delle ricerche, oltre all’interesse nell’ambito della biologia evoluzionistica, possono fornire indicazioni utili alla conservazione e gestione sostenibile delle risorse marine

Per gli elaborati di tesi della laurea triennale (Corso di Laurea in Biologia e in Scienze della natura) sono disponibile a seguire lo studente nell'approfondimento di argomenti legati a: - i sistemi di accoppiamento - le cure parentali - la selezione sessuale - l'ermafroditismo - la conservazione e gestione sostenibile delle specie marine - l'evoluzione dei vertebrati Per le tesi di Laurea Magistrale (in Biologia Evoluzionistica, Biologia Marina, ecc.)sono disponibili i seguenti argomenti: 1. Selezione sessuale post-copulatoria: l'influenza della competizione spermatica nella composizione e nelle prestazioni dell'eiaculato. Scopo di queste tesi è studiare l'influenza che la competizione che si instaura tra gli eiaculati di maschi diversi per fecondare lo stesso gruppo di uova ha nel modellare 1) nuemero e qualità degli spermi; 2) quantità e composizione del liquido seminale. Queste ricerche usano come modello di studio alucuni ghiozzi lagunari e marini in cui i maschi adottano diverse tattiche riproduttive: quelli di maggiori dimensioni costruiscono un nido, corteggiano le femmine e svolgono cure parentali alle uova mentre i maschi giovani/di minori dimensioni parassitano gli accoppiamenti dei maschi nidificanti, inttufolandosi mentre un accoppiamento e' in corso. Il lavoro si svolge sia in campo che in laboratorio e utilizza come base la Stazione Idrobiologica di Chioggia, dove lo studente può essere ospitato nella foresteria e trova tutte le attrezzature necessarie alle uscite sul campo (barca, bombole, ecc.), al mantenimento di animali in acquario e alle analisi di laboratorio 2. Onestà dei segnali sessuali in ambiente variabile Scopo di queste tesi è studiare l'influenza che la variabilità ambientale può avere sull'affidabilità dei segnali sessuali. I modelli di evoluzione della scelta sessuale femminile prevedono che i segnali sessuali (generalmente maschili) segnalino in modo affidabile alcuni aspetti di qualità del maschio, permettendo così alla femmina di acquisire benefici, sia di tipo diretto (es. risorse) che indiretto (genetici), che si riflettono positivamente sulla fitness della prole. Le fluttuazioni ambientali potrebbero alterare l'affidabilità dei SS, alterando in ultima analisi la fitness della prole. Nell'attuale scenario di rapidi cambiamenti amientali, quantificare questi processi diventa cruciale per prevedere il destino delle popolazioni animali. Queste ricerche usano come modelli di studio specie marine bentoniche a cure parentali maschili, in cui verrà studiato l'effetto dell'aumento della temperatura sull'onesta' dei segnali sessuali maschili, sulla scelta femminile e sulla qualità della prole. Il lavoro utilizza come base la Stazione Idrobiologica di Chioggia, dove lo studente può essere ospitato nella foresteria e trova tutte le attrezzature necessarie alle uscite sul campo (barca, bombole, ecc.), al mantenimento di animali in acquario e alle analisi di laboratorio